Vivere di Kung Fu – capitolo 29 – Imparare

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Argomenti del post

karate kidSiamo ad un nuovo appuntamento con Vivere di Kung Fu, la rubrica che parla di Kung Fu applicato alla vita quotidiana.
La scorsa settimana abbiamo parlato dell’interpretazione e di come la stessa realtà può avere sembianza diverse, una per ogni paio di occhi che la guardano.
Sulla base di tali concetti oggi parliamo di un argomento che è fulcro del Kung Fu, ma soprattutto dell’evoluzione di ognuno di noi: l’apprendimento.
Imparare. Una parola semplice che si sente pronunciare spesso, ma che nasconde un implicazione enorme: l’evoluzione sotto forma di cambiamento.
Da quando veniamo al mondo cominciamo ad imparare; imparando cresciamo e di conseguenza cambiamo. Stessa cosa per il Kung Fu dove con l’apprendimento da novizi praticanti, ci trasformiamo in artisti marziali e poi in maestri e poi dobbiamo ricominciare ad imparare (come dicevo ieri nel post 5 cose che un maestro di Kung Fu deve saper fare).
L’importanza di imparare è nota e ovvia, tuttavia molto spesso, arrivati ad un certo punto della propria vita, si decide che non è più un’esigenza, che ormai ciò che si doveva imparare si è imparato, o che data l’età ormai non si impara/cambia più.
Niente di più falso.
Il cervello è l’unico muscolo del corpo umano che se allenato con il tempo ringiovanisce, gli altri muscoli con opportuni esercizi possono mantenersi tonici ma non ringiovaniscono … il cervello si.
Nella vita di tutti i giorni, come nel Kung Fu, imparare è un’attitudine, che va sviluppata e allenata. Il desiderio di arricchirsi ogni giorno con qualcosa di nuovo è un pregio che ogni persona può avere. La curiosità è sintomo di acume, di intelligenza e di forza.
L’abile artista marziale è dotato di intelligenza viva che gli consente di comprendere e superare i propri limiti.
Spesso si tende a fare delle conoscenze la propria zona di comfort e si teme di ammettere di non sapere, soprattutto quando si è maestri di Kung Fu, perchè il non sapere è vissuto come una mancanza, un limite. Ma se l’artista marziale, così come l’uomo o la donna, sono dotati di intelligenza viva potranno superare tale limite vivendo la mancanza come uno stimolo che porterà ad imparare e quindi ad allargare la zona di comfort.
È un appunto che tutti i maestri di Kung Fu (e di arti marziali in genere) dovrebbero prendere. “Non aver paura di non sapere, avere voglia di imparare“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

3 risposte

  1. Umiltà è la parola giusta per imparare! Molto spesso (soprattutto gli insegnanti) ci si prende troppo sul serio. Ricordiamoci che in serenità si impara 1000 volte di +, che stando attenti a non prendersi lo schiaffo dall’allievo per non dare l’impressione di uno scarso insegnante.
    Ciao Alex

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *