Vivere di Kung Fu – capitolo 11 – energia e pensiero

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Argomenti del post

Nel precedente capitolo della rubrica vivere di Kung Fu abbiamo visto come l’energia e la mente umana siano connessi e abbiamo accennato al fatto che questa connessione si esplica atttraverso i pensieri.
In questo capitolo voglio riportare una teoria che spiega come i pensieri sono connessi all’energia e come influenzano il contesto, o per meglio dire l’ambiente, al punto da creare la realtà in cui ogni persona vive.
La teoria è basata su concetti di fisica quantistica e di epigenetica ed è abbastanza logica se si segue il principio secondo il quale la materia è composta da energia.
Ormai da tempo si è scoperto che il più piccolo elemento che compone la materia non è l’atomo, bensì … appunto … l’energia. 

È la scoperta che ha dato origine alla fisica quantistica.
L’energia non si crea ne si distrugge, semplicemente si trasforma ed è di per se una connessione che svincolata dalla distanza per come concepiamo noi il concetto di distanza.
L’epigenetica ci dice che l’energia modifica l’ambiente e l’ambiente influisce sulla modifica del dna.
I pensieri emettono una frequenza (anche questo è dimostrato) e costituiscono una forma di energia, che interagisce con l’ambiente.
Quindi siamo connessi con l’ambiente attraverso i nostri pensieri.
Non si tratta di un semplice collegamento, bensì di una vera e propria “influenza”, che tende a modificare lo spettro energetico dell’ambiente al punto da modificarlo.
Pensando modifichiamo l’ambiente, cioè contribuiamo a costruire la realtà.
Questa teoria la ritroviamo in diverse “situazioni”, “discipline” e “filosofie”. Dalla legge d’attrazione, ai viaggi astrali, all’ipnosi, fino alla pranoterapia e ovviamente alla meditazione.

Anche nel Kung Fu esiste questo concetto. Ed è chiamato Ch’i, l’energia vitale primaria che regola la vita e che possiamo allenare e controllare con diversi esercizi; molti dei quali si basano sulla visualizzazione mentale del Ch’i stesso, cioè si basano sul pensiero.
Anche solo quando nell’esecuzione delle forme si mantiene il Ch’i alto o basso si sta facendo un esercizio di pensiero. Perchè è tramite la mente che riusciamo a sentire il Ch’i e “spostarlo”.

In definitiva che si decida di vivere di Kung Fu o meno si vive comunque di energia.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.