Vacanze finite. La prima impressione

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Argomenti del post

vacanze finite kung fuVacanze finite, lezione di inizio corso, si torna (pesantemente) sul tappeto con qualche fritto di pesce di troppo sulla coscienza e sul fisico, per lo più abituati da un mesetto a compiere al massimo i gesti di togliere e mettere gli auricolari del lettore mp3, sfogliare le pagine del libro o quelle virtuali del tablet, traslocarsi dal letto al divano-alla sdraio-al tavolo da pranzo e poco altro.
I più atletici hanno improvvisato qualche passo di corsetta sul lungomare o nel parco della città, qualcuno si è anche spinto ad una corsa più sostenuta, merito del cane che portato a passeggio ha deciso di socializzare con i suoi simili, trascinando lo sprovveduto padrone per metri e metri per arrivare ad annusare un peloso didietro.

bicipiti donnaIn pochi hanno messo mano alla bici, approfittando delle giornate di sole (sì, qualcuna c´è stata!) per smuovere un po´ di stanchezza estiva di dosso.
Ma sono pronta a scommettere che solo un esiguo numero di voi/noi ha realmente allenato il proprio Kung Fu, con tanto di ripasso delle forme, dei principi, qualche scambio con uno sparring e roba simile.
Siamo onesti: le “vacanze” sono tali quando ci si dedica al dolce far nulla.
Solo che il tempo del relax è finito, con orari e frequenza diversa per ognuno di noi i corsi sono ricominciati tra allenamenti e sudate.
E siamo al dunque. Quella famosa prima impressione che conta.

Allenare il kung fu all'apertoSiamo tornati al nostro kwon, non importa se da insegnanti o da allievi, in entrambi i casi abbiamo di nuovo il nostro ruolo sul tappeto, e le prime lezioni abbiamo il medesimo obiettivo di non mostrare a compagni o allievi quanto fuori forma siamo riusciti a metterci con un solo mese di stop!
Gli istruttori non possono cedere dopo i primi 10 minuti di riscaldamento, che esempio sarebbero? Gli allievi non devono permetterselo, agli occhi degli altri compagni e a quelli del maestro devono dimostrare di essere pieni di spirito marziale fin dal primo inchino sul tappeto.
A complicare questo sforzo, che sia per orgoglio personale, per orgoglio nei confronti degli altri o per dovere di cintura, ecco spuntare le nuove reclute.
Qualche nuovo iscritto compare per la prima volta sul tappeto: è la sua lezione di prova.

kung fu donnaTra i compagni, senza cattiveria, scatta una sorta di competizione, non si può resistere meno dell’ultimo arrivato anche se si ha il fiatone già dopo il saluto; il povero ma determinato nuovo elemento vuole capire se la lezione faccia per lui ma allo stesso tempo non vuole risultare agli occhi del maestro come un caso disperato, a costo di non rialzarsi dal letto il mattino dopo.
E il maestro stesso? C’è sì l’arma del fermarsi ogni tanto per verificare che tutti lo seguano, correggere qualche errore, dare qualche spiegazione, ma quella è la sua prima impressione agli occhi del possibile nuovo allievo, non c’è scampo deve dare il 100%.
Che siamo principianti, esperti o istruttori, stiamo tranquilli, sotto sotto siamo tutti sulla stessa barca.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.