Sanda – allenare i calci circolari

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Argomenti del post

Come annunciato nel post di ieri relativo ai low kick, vediamo oggi una modalità di allenamento dei calci circolari, per imparare a farli con le anche aperte.
L’esercizio è semplice tuttavia utile per imparare la sensazione della corretta postura del colpo su una tecnica di calcio circolare; infatti questo allenamento vale non solo per i calci circolari bassi, ma anche per quelli medi e alti.
Veniamo all’esercizio.
Si parte dalla posizione di guardia, sinistra o destra è indifferente perchè si alternerà la guardia durante l’esercizio; supponiamo di partire sinistra avanti. Il piede d’appoggio avanzato, nel nostro esempio il sinistro, deve ruotare il più possibile, l’ideale è di 180 gradi. La gamba destra si piega e si alza, nello stesso movimento di una ginocchiata e successivamente il piede destro e appoggiato avanti. Le anche si aprono “spingendo” bacino e glutei avanti cercando però di mantenere la direzione lineare frontale e le spalle in avanti. Vedi figura sotto.

Sanda - Allenare i calci circolari

Appoggiando il piede destro avanti dopo l’esecuzione del movimento ci si ritrova in guardia destra e si ripete l’esercizio con la gamba sinistra. Sostanzialmente, quindi, si esegue un avanzamento con questa metodologia di ginocchiata ad anca aperta.
La cosa importante è mantenere una linea retta in avanzamento, perchè significa che stiamo aprendo le anche nell’esecuzione del movimento.

Questo esercizio anche senza tirarne effettivamente nessuno in quanto si lavora a ginocchio piegato, permette di allenare i calci perchè si assume la corretta posizione della gamba di appoggio, delle anche e del ginocchio della gamba che andrà poi ad impattare quando si effettuerà la tecnica di calcio completa.
Per eseguire il calcio completo è sufficiente eseguire lo stesso esercizio ruotando leggermente il ginocchio sollevato in obbliquo (le 11 dell’orologio) e distendere la gamba col piede a martello.
Attenzione alla testa e alle spalle che non devono “cadere all’indietro“, bensì devono restare proiettate in avanti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.