Qi. Il Kung Fu percepito nei visceri

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
visceri

Argomenti del post

visceriDurante le mie lezioni, sia di Kung Fu che di difesa personale, parlo spesso di Qi. Stimolo gli allievi a provare a sentire ed utilizzare la loro energia interna. Cerco di spiegare come qualunque tecnica necessita di energia per risultare efficace. Tuttavia, esiste l´oggettiva difficoltá di mostrare il "come si fa". La differenza tra una qualunque tecnica "fisica" ed il Qi è che la prima è percepibile con i cinque sensi e quindi semplicemente dimostrabile, mentre per percerpire l’energia interna i cinque sensi sono poco adatti.

qi energiaIn Occidente siamo soliti suddividere gli stili di Kung Fu in interni ed esterni… la stessa classificazione la si puó applicare all´essere umano: possiamo suddividerci in "sensi esterni" e "sensi interni". I sensi esterni sono i cinque che conosciamo fin da piccoli: vista, olfatto, gusto, tatto ed udito. Attraverso tali sensi possiamo percepire le tecniche "esterne", ossia siamo in grado di avvertire forza, peso, potenza, movimento ed equilibrio nostri o dei nostri avversari.
Il Qi invece non è direttamente percepibile attraverso mani, occhi, orecchie, naso o lingua. Per avvertire il Qi siamo dotati di opportuni organi interni: i visceri.

taoistaIl termine viscere indica genericamente un organo interno: stomaco, fegato, reni, etc. Ognuno degli organi genericamente classificato come "viscere" svolge importanti funzioni utili al mantenimento della salute del corpo. Ció che si ignora è che tali organi sono anche sensoriali, ossia sono atti a percepire e trasmettere sensazioni, che quotidianamente avvertiamo, ma alle quali non siamo abili ad assegnare l´importanza che invece hanno.

respiro maniSappiamo molto bene che con i polpastrelli possiamo, ad esempio, sapere se una superficie è liscia o ruvida, oppure se è calda o fredda; oppure che il complesso apparato uditivo nascosto dietro le orecchie ci consente di captare le frequenze che chiamiamo suoni, rumori, voci; con le papille gustative decidiamo se un determinato cibo è o meno di nostro gusto. Alcune parti del nostro corpo, "interne", ad esempio, il timpano, oppure "esterne", ad esempio le dita, trasmettono informazioni che il cervello elabora. Non fanno eccezione i visceri. Anch’essi trasmettono informazioni che il cervello è in grado di elaborare in una definizione, un nome, che attribuiamo loro per comnprenderle.
Dove si avverte l’ansia, la felicità, la paura. la rabbia, l’euforia e qualunque altra emozione se non nello stomaco, nel cuore, nella pancia?

yin yangQuotidianamente siamo soggetti ad una tempesta di sensazioni avvertite dentro, emozioni che abbiamo imparato a classificare. Allo stesso modo si rivela il Qi: come sensazione interna, che tuttavia ancora non ci siamo decisi ad annoverare tra le cose reali e concrete che siamo in grado di percepire. Il nostro lato Yin avverte qualcosa, il nostro lato Yang cerca di spiegarlo e classificarlo. Il troppo Yin lo trasforma in qualcosa di trascendentale, quasi mistico, mentre l’eccesso di Yang cerca di razionalizzarlo, di portarlo in superficie. Inutile dire che l’equilibrio è la via…
Il Qi non è tanto diverso dalle "normali" emozioni che siamo abituati a percepire, infatti, come le normali emozioni, il più delle volte, anche il Qi non lo sappiamo riconoscere e gestire.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *