Lo Zen della Luna e i tre balordi

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
luna lupo zen

Argomenti del post

luna lupo zenUn vecchio racconto Zen narrava un giorno:
Due lupi ululavan alla Luna
rendendo grazie per un vecchio agio
mentr´ella illuminava un gran dirupo.
Dei due, l´uno era solo vivo, un lupo,
ma l´altro era giá reso randagio
nell´ Ade per capriccio di Fortuna.

scalatriceSul ciglio del dirupo ecco tre tizi
diversi ma diversi a dir la vera
guardar una ragazza scalatrice.
<<Potresti cader sotto, mia Fenice!>>
<<Attenta principessa mia guerriera!>>
<<Pirata! Sali su e torna ai vizi>>.
Dei tre, uno era una belva mutante
con lunghi artigli fuori dalle mani
e muscoli rinati, se colpiti.
Altro era quel che, a baci finiti,
fu altra bestia con i servi nani.
Era il Signor del Male, l´altro astante.

Quell´altro era un lupo come i due
che han aperto queste rime strambe
ma un lupo, giá, di mare, inver pirata.
Guardavan la ragazza, giá impegnata
a non cader perdendo con le gambe
l´appiglio giá solcato dalle sue.

Dei tre tutti credevan ch´ella fosse
la donna dei lor sogni, che saliva
verso il compagno sito sulla vetta.
<<Guardate ch´è la mia, a ragion detta>>
<<Che vai dicendo, arraffa-refurtiva!>>
<<Silenzio! È principessa, per me mosse!>>

fantaghiròLa donna, pur temendo di cadere
guardava si per l´alto, ma ad altri tre
che stavan sopra, insieme, all´altro ciglio.
Uno negli occhi avea raggio vermiglio.
Un´altro un grande principe oppur Re.
E uno altro era pirata, a ben vedere.

xmen fumetti<<Che blaterate, voi sull´altra vetta?>>
<<La donna vuol salir da questa parte!>>
<<La sto aspettando io, e mai giá voi!>>
I nuovi tre guardaronsi: <<anche noi
ci contendiam tale bella consorte?>>
E tutti la volevan, Poveretta!

pirati dei caraibiGli artigli scintillavan contro il raggio
degli occhi di quell´altro e i due pirati
volevan far la scherma con le spade.
Il Re e il Maligno di quella contrade
che esiste nei fiabeschi amor narrati
pur lor volean di un gran duel l´ingaggio.

lupi luna zenFu allor che i due lupi fan silenzio
lasciando la parola ora alla Luna
che irrupe nella discussion dei sei.
<<Voi dei due cigli, ora dirvi vorrei:
la bella non si avrá a Caso e Fortuna!
Sulla seconda vetta va il suo avanzio.
Voi della prima vetta, rassegnatevi!
Potete la bellezza contemplare
soltanto con sguardo platonico.
Proprio com´io, a dir Copernico
intorno a Terra giro ma ella pare
girar intorno al Sole: ora accorgetevi>>.

luna zenI primi tre guardaron sotto ad essa
e un cupo sguardo allora, lí, li colse.
Per quel che avea ben detto ancor la Luna.
Andaron via in silenzio, che Fortuna
avea gián ben deciso, a innocue else
che i tre brillavan di luce riflessa.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *