Le armi del Kung fu. La Biang Gan.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Argomenti del post

Biang GanLa Biang Gan è un´arma tradizionale molto diffusa nelle arti marziali cinesi. Costruita inizialmente in legno duro raggiunse la sua piena “maturità tecnica” quando iniziò ad essere realizzata in metallo, bronzo e successivamente ferro.
Offre la possibilità di sferrare potenti percosse in grado addirittura di spaccare le armi dell’avversario. Grazie alla particolare sagomatura la superficie di impatto di una Biang Gan è molto piccola in relazione al suo peso e tale particolarità consente di spezzare agevolmente le lame di qualsiasi arma impugnata dall’avversario.
La Biang Gan non ha lame o punte e questo la rende adatta solamente a tecniche di percossa.

Biang GanDurante le battaglie, negli scontri a breve distanza (il campo d’azione della Biang Gan), era molto più utile attaccare l’avversario piuttosto che la sua arma, per questo motivo e vista l’attitudine difensiva e dissuasiva la Biang Gan era un’arma probabilmente utilizzata dalle forze di polizia per controllare le sommosse. Un’altra arma molto simile utilizzata per lo stesso scopo era la Tie Jian, che a differenza della Biang Gan non aveva particolari sagomature ma presentava un semplice sezione quadrata.
Vista l’assenza di punta e di lama la Biang Gan può essere assimilabile, in termini di tecniche possibili, al bastone corto. Rispetto a quest’ultimo cambiano il peso ed il baricentro, vicini a quello di una spada e per tanto compreso tra la guardia e la mezzeria dell’arma. Ne consegue che le sensazioni e le dinamiche del maneggio sono simili a quelle di una sciabola.

Biang GanCome già scritto, uno degli usi principali della Biang Gan era quello di spezzare le lame delle altre armi. Tuttavia, tale azione era possibile, con i dovuti accorgimenti, anche durante uno scontro spada contro spada:

Il modo migliore per spezzare un’arma da taglio consiste nel colpirla lungo il fianco. Un impatto diretto lama contro la lama potrebbe scheggiare o danneggiare entrambe le armi mentre un colpo laterale, preferibilmente vicino all’impugnatura per ridurre la flessione della lama, porta nella maggior parte dei casi la lama impattata a spezzarsi.
Impiegare una spada in questo modo oltre che difficile rischia di essere dannoso per il filo. Un colpo dato in maniera non perfetta o in una sezione già danneggiata rischia di rendere inservibile anche la lama che attacca. Per questo motivo una Biang Gan è molto efficacie e di semplice utilizzo e diventa insostituibile nel suo campo di applicazione.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.