Le armi del Kung fu. Il Tridente.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Argomenti del post

tridenteIl tridente (C´ha) è un´arma da sempre utilizzata nelle arti marziali cinesi e diffusa in numerosi stili. I primi tridenti cinesi di cui si ha notizia sono stati rinvenuti durante gli scavi archeologici di Xi´an e sono risalenti al 5000-4000 a.c. Parliamo quindi di uno strumento presente nella tradizione cinese da circa 6000 anni.
Sostanzialmente quest´arma consiste in un palo in legno (molto pi´ spesso di un bastone lungo) sulla cui sommità è montato un tridente in metallo largo poco più di 30 cm. La lunghezza dell´arma non supera l´altezza del praticante, perché dato il peso sarebbe molto difficile maneggiarla se fosse più lunga. Come in molti casi ci sono differenze costruttive tra le armi del nord e quelle del sud della Cina: mentre il tridente del nord ha le punte piatte e rastremate quello del sud le ha di sezione circolare e appuntita. A prescindere da questa differenza i concetti di base e l´impiego dell´arma sono i medesimi.

tridenteIl suo utilizzo principale fu quello di arma per la caccia, motivo per cui negli stili del sud è conosciuto anche come “tridente per cacciare la tigre”. A causa dell’elevato peso lo studio e l’utilizzo di quest’arma fu sempre appannaggio dei grandi maestri. Venne usato molto poco in guerra preferendolo come arma per le dimostrazioni, in virtù del fatto che saperlo maneggiare richiedeva coordinazione e sopratutto una notevole forza fisica.

Le tecniche possibili con il tridente si avvicinano molto a quelle delle altre armi lunghe, possiamo per esempio paragonarlo all’alabarda o al badile a luna crescente. Colpi di punta e spazzate con la coda dell’arma sono del tutto simili a quelle possibili con questo tipo di armi lunghe. La sostanziale differenza è che il tridente non è un arma da taglio e può quindi solamente colpire di punta su un’ampia linea frontale, si perdono quindi tutte le tecniche di rotazione finalizzate al taglio. Queste quando vengono eseguite servono per bloccare o a limite per percuotere. Inoltre è possibile ruotando il tridente lungo il suo asse longitudinale provare a disarmare l’avversario facendo leva sulla sua stessa arma, quest’ultima è una tecnica sicuramente di non facile esecuzione, ma presente in tutte le forme che lo utilizzano.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *