La solitudine delle ASD e l’unione che fa la forza

ASD Società Sportive Dilettantistiche
Le ASD (Associazioni Sportive Dilettantistiche) e le SSD (Società Sportive Dilettantistiche) al fine di ottenere il riconoscimento sportivo (e poter usufruire delle agevolazioni fiscali previste dalla legge) devono essere iscritte al Registro CONI.
Per le scuole di Kung Fu italiane, che praticamente sono tutte ASD o SSD, tale obbligo costituisce un onere amministrativo che va ad aggiungersi a quelli legali, ma è anche un’opportunità, in quanto consente di essere inserite all’interno del Comitato Olimpico Nazionale che ha il compito di promuovere la massima diffusione della pratica sportiva.
E il Kung Fu italiano di promozione ne avrebbe davvero bisogno…
Purtroppo, il bisogno resta inascoltato, visto che in Italia l’arte marziale cinese non è una disciplina di primo piano e, relegata nella sfortunata categoria degli “sport minori”, non usufruisce di alcun supporto promozionale.
deserto ASD
Lo scenario diventa ancor più desolato dal momento che non esiste alcuna federazione che negli anni si sia dimostrata davvero organizzata per provare a dare al Kung Fu il lustro che meriterebbe. C’è da sempre in atto una vera e propria guerra dei poveri tra realtà che mirano ad acquisire potere politico a discapito dell’arte e delle ASD e SSD, lasciate sole a cercare di sopravvivere districandosi tra amministrazione, legislazione, fisco, promozione e organizzazione delle varie attività.
Fortunatamente, le scuole sono fatte di praticanti e di maestri e molti di loro, facendo leva sulla passione, si uniscono e organizzano eventi, gare, stage, occasioni di confronto e di crescita, nella convinzione che la forza sia generata proprio dall’unione.
La stessa idea di “comunità” sta mettendo radici anche in alcune organizzazioni uffciali, ad esempio la PWKF, come ha raccontato il suo capo dipartimento Gianfranco Russo nella nostra intervista e lo CSEN (Centro Sportivo Educativo Nazionale) che sta lavorando per aggregare le scuole di Kung Fu con l’obiettivo di creare un movimento sano e collaborativo .
Aiuto ASD comunità
In tale ottica di cooperazione lo CSEN Piemonte ha deciso di aprire la riunione del proprio consiglio direttivo ad un rappresentante di qualunque ASD o SSD che si occupi di arti marziali cinesi e che desideri sperimentare il metodo di lavoro adottato dall’ente. È sicuramente una scelta insolita e coraggiosa, dettata dal desiderio di crescita e di trasparenza.
I partecipanti potranno toccare con mano il sistema ed il clima di lavoro e ricevere le informazioni relative ai vari eventi della stagione che sta iniziando, ai quali avranno anche la possibilità di partecipare.
Inoltre, durante la riunione sarà presentato un progetto innovativo che partirà ad ottobre e che si propone di supportare e far crescere le ASD e le SSD in diversi ambiti strategici, dalla promozione alla gestione, dall’amministrazione alla formazione.
La riunione si terrà il 30 settembre dalle ore 19.00 alle ore 22.00 ad Ivrea (in provincia di Torino), presso il Centro Sportivo Marziale.
È possibile richiedere di partecipare all’incontro scrivendo un’email all’indirizzo csenwushukungfu@gmail.com oppure ottenendo un invito da questa pagina.
Sicuramente è un’occasione per le scuole di Kung Fu italiane di sentirsi meno sole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.