Kung Fu e l´arte nascosta nel nome

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Argomenti del post

kung fu arteChi pratica Kung Fu conosce bene la traduzione del termine accettata quasi all´unanimità dagli addetti ai lavori:<<Esercizio eseguito con abilità>>. Al di lá delle sfumature sintattiche della traduzione stessa il concetto è che fare Kung Fu significa “fare bene”. Se pratichi Kung Fu stai eseguendo qualche esercizio con abilità… e ogni volta che fai qualcosa mostrando abilità stai facendo Kung Fu.

danza kung fuÈ una caratteristica che distingue l´arte marziale cinese dall´arte come è comunemente intesa. Danza, pittura, musica, etc. richiedono l´espressione dell´abilità all´interno dei confini della disciplina. Per fare musica devi suonare o cantare, per fare danza devi ballare, per fare pittura devi dipingere o disegnare, ma per fare Kung Fu ti “basta” palesare maestria nei gesti.
Se hai talento nell´arte culinaria, mentre cucini fai Kung Fu. Non a caso il termine che oggi identifica la disciplina marziale cinese fu inizialmente utilizzato per esprimere l´abilità dei cuochi.

alimentazione e cibo cineseSpesso pratichiamo Kung Fu senza saperlo. Ogni volta che richiamiamo i nostri talenti per rendere i gesti delle capacità ci possiamo definire praticanti. Se tali gesti si esprimono nell´ambito marziale diventiamo kungfuisti nell´accezione nota del termine. Tuttavia in questo caso dobbiamo fare i conti con i vincoli di tecnica, filosofia, esecuzione e pensiero dettati dallo stile, perchè il Kung Fu “marziale” è caratterizzato da infiniti stili che derivano da altrettante famiglie, scuole, maestri o leggende che li hanno generati e che spesso imprigionano l´arte e gli artisti nelle gabbie d´oro dei dettami che li identificano.

ip man pugileInoltre, spesso, gli esponenti o praticanti dei singoli stili sono in conflitto tra loro, allo scopo di decidere chi fa meglio cosa, chi è più efficace, chi è più originale, chi è il miglior maestro o semplicemente quello più conosciuto, come se reputazione facesse rima con capcità. Intanto l´arte si perde tra le parole e sparisce dietro il nome che identifica, ma soprattutto distingue, l´uno dagli altri. <<Io non faccio lo stile X, faccio lo stile Y che deriva da Z che è il vero stile, perchè gli altri sbagliano a pensare che … >>.
E l´arte dov´è? Dove sono le abilità che caratterizzano l’esercizio?

Hung Gar Cin Zi SauFilosofia di Kung Fu Life è mettere l’arte al centro, quindi è naturale che tendiamo a spostare a lato le diatribe di vanità e gli interessi commerciali, per cui mi viene facile invitare i kungfuisti a sbirciare quei protagonisti delle altre arti che nei gesti, nelle note, nei tratti su tela o semplicemente tra i fornelli, esprimono loro stessi per il gusto di farlo, senza preoccuparsi di classifiche di abilità o notorietà. Così illuminano l´ingegno e l´arte nel proprio nome si mostra invece di nascondersi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *