Knock Out gratuiti. Dal ring alla strada

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Argomenti del post

knock outImmaginate una ragazza snella, magrolina e magari anche molto carina che passeggia liberamente dopo essere appena uscita da un negozio. In attesa di entrare in un altro, si guarda intorno e osserva le vetrine con aria rilassata. Deve essere il suo giorno di riposo dal lavoro, si vede che è in giro di piacere. Mostra tutta la calma che giustamente si ha quando ci si rilassa un po´, con libertà e leggerezza.
Ad un certo punto dietro di lei, ad una ventina di metri, sbuca un uomo che se la corre nervosamente e di gran carriera. Avanza veloce verso la ragazza, che non si accorge di nulla. Lei è tranquilla, lui sembra invece rincorrere l´autobus che sta per lasciarlo a piedi. Si avvicina rapido, manca solo qualche metro prima che la raggiunga. Proprio adesso alza ampiamente un braccio per caricare quello che noi marzialisti chiameremmo una <<sventola da strada>> e parte con un devastante colpo alla tempia della ragazza. Mica un pugno: una “avambracciata” bella sonora, con una rincorsa da salto in alto. Lei non si accorge praticamente di nulla: un attimo prima è sveglia, in piedi e sorridente, quello dopo è a terra senza sensi e probabilmente da portare in sala rianimazione. Il tutto avviene sotto l´obiettivo di una impotente telecamera di sicurezza.

knock out videoQuello che vi ho descritto è verosimilmente quello che sta accadendo negli Stati Uniti quando le gang di giovani delinquentelli si dilettano nella loro nuova moda: il Knock Out. Fino a ieri sembrava si trattasse di qualcosa appartenente al gergo sportivo o marziale, adesso invece è anche una stupida e bullesca usanza. Quale sarà il motivo? Non c’è. O meglio: c’è, ma non è un motivo! Non un buon motivo, se per caso potesse essercene qualcuno. Così: per far vedere che si hanno le palle. Vuoi entrare nella nostra banda di sfigati? Dimostra che hai le palle. Lasciamo perdere però adesso le goliardie, i bagni nella melma, i furti di biciclette, l’andare in giro nudi, etc. Dimostriamo di avere le palle mettendo al tappeto un ignaro passante, meglio se è di spalle e se non è un marcantonio: va giù di sicuro.

knock out videoÈ veramente difficile trattare di questa nuova cosa senza sentirsi moralisti, buonisti e retorici. Cosa ci sarebbe da dire, se non il biasimo più totale? Mettersi lì e dire che è una vergogna, che i giovani d’oggi non sanno più cosa sono i valori, che le forze dell’ordine dovrebbero forse tenere più sotto controllo la microcriminalità giovanile. Solidarizzare ed empatizzare con quei poveri malcapitati che si stavano solo facendo i fatti propri. È difficile solo perché è ovvio, e quando qualcuno dice qualcosa di ovvio si sente come se ricordasse a tutti che non ci sono più i giovani di una volta e che si stava meglio quando si stava peggio. Scoprire l’acqua calda, insomma: via tutto ciò che non è abbastanza originale.

ragazza pugnoSi rischia di sembrare banali, però è tutto vero. I nostri lettori (voi che proprio adesso condividete con me questo post) sono verosimilmente dei praticanti. Praticanti vuol dire guerrieri o aspiranti tali, e poco importa se la loro battaglia sia combattuta nell’interno del loro Qi, su un tappeto durante una forma, in un ring con i guantoni. Certo, gli studenti dei cosiddetti sistemi di difesa personale da strada forse sono più sensibili a questa nuova genialata americana, occupandosi proprio di violenza e aggressività nelle strade. Ma anche no: se solcate la via del guerriero sono sicuro che, guardando questi video registrati dalle telecamere di sorveglianza esterna, sarà venuto anche a voi quel groppo in gola che vi ha fatto pensare <<ma guarda questi bastardi, è facile così alle spalle e senza onore. Dovrebbero metterli di fronte ad un avversario cosciente e con i giusti mezzi per difendersi, poi vediamo cosa fanno>>.

bulliNoi artisti marziali abbiamo una buona concezione della lealtà e del rispetto dell’avversario. Almeno così dovrebbe essere. Una roba come il Knock Out mi fa letteralmente accapponare la pelle.
A voi?
In definitiva questi eventi non c’entrano molto con le arti marziali. Ma a ben guardare noi siamo degli studiosi di metodi di gestione della propria e della altrui aggressività, spesso espressa in situazioni di reale pericolo che poco ha a che fare con la sana competizione sportiva. Non è facile evitare retorica e banalità, dicevamo. Anche se però non ci riusciremo, penso che un fenomeno del genere abbia meritato almeno un post di attenzione e riflessione da parte di chi, come noi, vive rapportandosi ogni giorno all’aggressività e la studia sotto molti aspetti: quella fisica, quella verbale, quella psicologica, quella tecnica. E poi scusatemi, ma io proprio non resisto: questi tizi dovrebbero acchiappare una volta un campione di Sanda o un maestro di Kung Fu che si accorga delle loro intenzioni e li mandi all’ospedale. Allora noi kungfuisti scriveremo un post tutti insieme e ce la rideremo alla grande, fregandocene delle ipotetiche banalità in agguato.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

2 risposte

  1. In effetti, il fenomeno che descrivi suggerisce una forte idea di vuoto e di insensata slealtà oltre che assenza totale di rispetto per gli altri.
    Concordo pure sul fatto che questa gente si merita una punizione esemplare.
    Mi auguro, comunque, che più che i singoli cittadini siano le forze dell’ordine a vigilare e arginare questi fenomeni, visto anche la cospicua presenza di telecamere oramai disseminate in molti luoghi pubblici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *