Glutei. Farsi un c… ehm un mazzo così

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Argomenti del post

gluteiDopo il tibiale il muscolo piú sottovalutato del nostro corpo è sicuramente "lá dietro".
I glutei sono un muscolo, anzi in realtà 3: grande – medio – piccolo a cui raramente dedichiamo del tempo e che difficilmente tendiamo ad allenare in maniera isolata, forse perché siamo inconsciamente convinti che venga stimolato a sufficienza nelle posizioni basse del Kung Fu tradizionale o nei circuiti di Sanda (magari dimenticandoci che è un muscolo fondamentale per alcuni tipi di calcio come appunto il calcio dell´asino o il calcio laterale) o peggio ancora con una mezz´oretta di corsa.
Il gentil sesso tuttavia è molto piú attento rispetto a noi maschietti a questa area e quindi dedichiamo in particolar modo a loro il post di questa settimana.

Come si fa

Dato che non tutte le palestre di Kung Fu dispongono di una sala pesi moderna e attrezzatissima, vediamo insieme un esercizio che si può eseguire ad una macchina molto conosciuta e presente ovunque per allenare i quadricipiti femorali ovvero la Leg extension.

glutei leg pressProcuriamoci un bel tappetino di qualche cm di spessore sul quale posizionarci a “gattoni”, ma con qualche attenzione extra però: contraiamo volontariamente gli addominali, conservando una posizione della schiena neutra, le braccia servono solo per sostenere la parte superiore del corpo e pertanto non bisogna esercitare pressione su di esse.

gluteiScarichiamo completamente la macchina selezionando il peso piú basso; in questa fase dobbiamo solo scaldarci e prendere confidenza con il movimento della stessa.\r\nCominciamo a posizionare la gamba piú debole con il tallone posto nella parte inferiore del cuscinetto. È importante in questo momento trovare la sistemazione migliore per una corretta esecuzione e attivazione dei glutei e per non incorrere nello scivolamento del piede sul cilindro che, con un sonoro tonfo metallico delle piastre dei pesi, richiamerebbe tutta l´attenzione della palestra.

A questo punto possiamo spingere verso la direzione alto – alto/indietro fino alla completa estensione della gamba o al raggiungimento del punto morto superiore della macchina, per poi tornare in maniera controllata nella posizione di partenza.\r\nNella fase di spinta poniamo particolare attenzione a non avvalerci di nessun tipo di slancio né tantomeno di spostare il busto e la testa verso il basso: una lieve declinazione è infatti tollerata e quasi naturale, ma deve essere assunta fin dalla prima ripetizione e mantenuta per tutta la durata dell´esercizio.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Una risposta

  1. L’esercizio descritto è poco efficace perché manca l’aspetto propriocettivo del piede che, non poggiando a terra, non stimola il cervello e quindi il gluteo all’estensione dell’anca. Pertanto il miglior esercizio rimane il classico squat con la spinta che parte dal tallone e magari anche a piedi nudi per il motivo descritto sopra. L’aspetto propriocettivo del piede per compiere molti esercizi e spesso ignorato o sottovalutato, quando è di primaria importanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *