Foam roller. Cilindri multiuso per il post allenamento

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Argomenti del post

Foam rollerA dispetto del nome, Foam roller, che non è altro che un modo complicato ed esterofilo per definire due cilindri di schiuma e la loro apparente semplicità, ciascun praticante di Kung Fu dovrebbe scoprirne i molteplici vantaggi.
Il loro utilizzo principale non è prettamente funzionale in termini di training. Mi spiego meglio, in realtà il loro campo d´azione è relativo soprattutto al post-allenamento in quanto si rivelano preziosi attrezzi per sciogliere le classiche contratture e tensioni, insomma tutti quei fastidiosi effetti collaterali di affaticamento e dolore che i nostri muscoli hanno “il giorno dopo”, siano essi a causa di un sessione molto intensa e stressante, sia per i piccoli e grandi colpi subiti durante una lezione di Wing Chun o Sanda.

Foam rollerIl massaggio praticato con questi cilindri direttamente sulla fascia muscolare interessata, dapprima dolcemente per poi essere gradualmente più intenso, “slega” i nostri tessuti muscolari, rilassandoli, donando sollievo e contribuendo a migliorare la circolazione locale, accelerando l’espulsione di dannosi cataboliti e favorendo il ritorno alla normalità con l’aiuto di macro e micronutrienti trasportati dalla regolarizzazione dell’afflusso sanguigno.

Foam rollerIl massaggio non viene praticato da un istruttore o da un professionista e dunque non è da intendersi come un momento in cui rimaniamo passivi, ma siamo noi stessi ad autopraticarlo in maniera dinamica ma tuttavia rilassata, cercando e sentendo la zona coinvolta e lavorando su di essa modulando intensità e quantità del carico (carico naturale, dato che si lavora a corpo libero).
Gli attrezzi stessi sono di diversa densità, dimensioni e forme proprio per venire incontro il più possibile alle diverse esigenze di ognuno.

Foam rollerSono strumenti indicati in particolar modo per la schiena e le gambe; la maggior parte degli “esercizi” coinvolge infatti queste due zone nella loro totalità. Tuttavia ho avuto modo di usarli e verificarne la loro efficacia anche in seguito ad una fastidiosa e recidiva contrattura degli avambracci (in questo caso ho alternato il loro utilizzo a un semplice massaggio con un nunchaku e tanto tanto olio riscaldante).
Inoltre sono un dispositivo utile in mano a fisioterapisti per recuperare da piccoli e grandi infortuni. Ho avuto modo di sperimentarli per parecchie settimane anche per recuperare la propriocezione perduta (a una caviglia ndr) e li ho trovati pratici e validissimi: il loro uso è intuitivo, non richiedono alcuno sforzo mentale e si possono utilizzare banalmente la sera dopo una lunga giornata di lavoro, anche guardando la televisione.
Come se ciò non bastasse sono economici e indistruttibili.
Se non siete ancora convinti di quanto siano utili, seguite anche il post della prossima settimana, dove scopriremo – anche con degli esempi pratici – come inserirli anche nella nostra routine di allenamento.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *