Foam roller. Cilindri multiuso (anche) per l´allenamento

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Argomenti del post

Foam roller push upAbbiamo visto nel primo post dedicato a questo attrezzo come questi simpatici cilindri di schiuma – pratici, economici, indistruttibili e relativamente semplici da usare – siano un ottimo sistema per praticare su noi stessi un piacevole massaggio in grado di rilasciare tensioni e affaticamenti muscolari.
Tuttavia, sebbene siano utilizzati prevalentemente con questo scopo, è possibile ampliarne il loro uso con qualche intromissione nel mondo dell´allenamento vero e proprio, dando inoltre qualche spunto interessante per variare gli stimoli della nostra solita training routine.

piegamenti foam rollerPartiamo quindi da un grande classico, intramontabile e praticabile da chiunque e ovunque: i piegamenti sulle braccia e proviamo a svecchiarli un po´.
Prendiamo una coppia di cilindri – vanno bene anche quelli “corti” di circa 50 cm – e disponiamolì un po’ più in basso e un po’ più stretti di dove appoggeremmo solitamente le mani nella versione standard dei push up: questo per avere i due punti di sostegno più vicino al nostro peso e incorrere meno facilmente nel rischio di "ondeggiare" sull’attrezzo.

Foam rollerCome riscaldamento e per le primissime volte – giusto per prendere un po’ di confidenza – è preferibile appoggiarsi sulle ginocchia, invece che sulle punte dei piedi, alla ricerca della maggior stabilità e sicurezza possibile e per potersi concentrare sulle mani che avranno un po’ di gioco.
Sempre all’inizio è importante trovare per ciascuno il proprio equilibrio nell’esecuzione del movimento: personalmente mi sono trovato bene a "sacrificare" un po’ dell’esplosività del movimento a favore di un maggior bilanciamento durante tutta la serie, il bilanciamento consiste nell’evitare il più possibile che il foam roller si muova.
Proprio l’equilibrio è la differenza principale con i piegamenti base: ciò comporta un maggior coinvolgimento dei deltoidi che contribuiscono fortemente alla stabilizzazione, ma soprattutto degli avambracci che hanno un ruolo cruciale nella presa che deve rimanere salda, sicura e "congelata".
Cominciamo l’esecuzione dell’esercizio raggiungendo lentamente la posizione superiore con i palmi appoggiati sui cilindri e iniziando la serie solo dopo aver ottenuto una stabilità di partenza ottimale.

Foam roller stretchingInfine, esaurito l’allenamento per i pettorali (5 serie per 1 minuto di riposo), riprendiamo fiato con un po’ di sano stretching statico: recuperiamo un foam roller di circa un metro e sediamoci lentamente su un’estremità per poi scendere lentamente facendo combaciare la nostra spina dorsale con l’intera lunghezza del cilindro (la mia scrocchia piacevolmente quando è in asse).
A questo punto allarghiamo le braccia e sentiremo sicuramente i benefici dell’allungamento dei muscoli pettorali e non solo (deltoide frontale e bicipite).
È preferibile avere i palmi della mano verso l’alto, tuttavia si possono ricercare altre posizione delle mani per stirare da diverse angolazioni.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *