Cuore. Come rimetterlo in forma

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
interval training

Argomenti del post

cuore interval trainingLa scorsa settimana abbiamo parlato di obiettivi per la nostra stagione kungfuica.
Certo non è sempre facile e immediato avere le idee chiare su ciò che dobbiamo raggiungere nei prossimi mesi; tuttavia qualunque sia il nostro traguardo – dopo la lunga meritata pausa estiva – e qualunque sia il nostro Kung Fu, tradizionale, moderno, da combattimento agonistico come il Sanda o da “strada” come il Wing Chun, dobbiamo assolutamente ripartire da allenare questo muscolo: il cuore.

allenamento biciNon intendo parlare nello specifico di come farlo, ovvero con la corsa, bici, salto della corda, shadow boxe, sacco, vogatore, camminata in salita, nuoto, functional training e circuiti di vario genere e natura e chi più ne ha più ne metta.
È più una questione di approccio, anzi di intensità.
Da sempre per molti di noi effettuare un training cardio significa farlo a intensità costante e quindi vai di grandi corse nel parco sotto casa alla stessa velocità (medio-bassa) su un percorso pianeggiante fino a quando il nostro fiato e il dolore alla milza non ci fermano.
Sicuramente un buon sistema per migliorare il nostro fiato, rinvigorire il cuore e bruciare – sommariamente parlando – nei primi 20 minuti le nostre riserve di glicogeno per poi attaccare le cellule adipose figlie di gelati, cocktail e delle grigliate estive.

interval trainingTuttavia è bene sapere che non è l´unico metodo: è possibile allenare cuore e fiato anche con diversi tipi di intensità ed è possibile farlo anche in minor tempo con l´Interval Training, IT per gli amici.
Torneremo nei prossimi post in maniera più approfondita sull´argomento, ma non ci spaventiamo, non è nulla di complicato: banalmente su una recente bike di qualsiasi palestra è possibile trovare un percorso di questo tipo.

cuorePer molti di noi, soprattutto per chi pratica Sanda o Wing Chun e si allena con circuiti funzionali è un concetto familiare, ma è possibile applicare questo principio a tutte le attività cardio.
Per iniziare o meglio dire per riniziare dopo le vacanze è meglio andare leggeri, cominciando con un rapporto 1 a 2 (1 a 1,5 per i più allenati) fra attività e riposo.
Quindi dopo un adeguato riscaldamento, ci alleniamo per una durata di 20/30 secondi a medio-alta intensità o massima per i più esperti e riposiamo per 40/60 secondi: tutto questo per una durata dai 10 minuti ai 30 circa.

ragazza pioggiaNon illudetevi della sua relativa semplicità nei primi minuti, perché la lingua comincia a strisciare per terra solitamente dopo 5 o 6 "serie".
Se siete davvero in forma potete semplicemente trasformare in corsa la variante training/pausa diminuendolo oppure applicando un recupero attivo continuando l’attività cardio scelta a ritmi blandi.

corsaPer i più diffidenti e che amano correre nel parco sotto casa consiglio di iniziare così. Per la prima mezz’oretta non abbandonate la routine della corsa a ritmo costante: sarà una sorta di riscaldamento ottimale e di preaffaticamento. Poi concedete all’interval training 15 minuti con un rapporto 1 a 2, concludete infine con 5 minuti di defaticamento e infine un po’ di allungamento muscolare.
Sono sicuro che molti di voi cambieranno idea.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.