Vivere di Kung Fu – esercizi #4 – non pensare

acqua
La mente umana produce ogni una quantità immensa di pensieri. Tali pensieri recitano un ruolo di primo attore nella creazione del contesto di vita. Si dice che i “pensieri creano la realtà”.
La nostra testa è come una batteria che si carica di pensieri e ogni tanto è bene scaricarla, altrimenti si rischia il tilt!
Per la consueta rubrica del venerdì Vivere di Kung Fu oggi vediamo un esercizio tanto semplice da spiegare quando complesso da applicare. Il fulcro dell’esercizio sta nell’eliminare i pensieri dalla mente.

Chi pratica Kung Fu Tradizionale sa che l’esecuzione delle forme è un momento cruciale nell’apprendimento, perchè nell’esecuzione di una forma di stile si interpreta nella sua completezza lo stile stesso. Ci si immerge nelle peculiarità dello stile tradizionale cercando di evidenziarne (durante l’esecuzione della forma) tutti gli elementi caratterizzanti. Così eseguendo ad esempio una forma di Tang Lang ci si concentrerà, tra le altre cose, sulla rotazione del corpo, oppure in una forma di Shaolin si cercherà l’alternanza tra velocità ed espressione dell’energia, etc.
Tuttavia la vera espressione di stile si raggiunge quando l’esecuzione non è limitata dalla mente che cerca di ricordare lo schema della forma, che si concentra sulla correttezza delle posizioni, che tenta di evidenziare le peculiarità di stile, etc.; insomma quando tutto scorre fluido senza pensare.

Ed eccoci all’esercizio di oggi: annulliamo i pensieri.
Durante l’esecuzione di una forma, ma anche in una sessione di allenamento di Sanda, o durante lo pratica delle applicazioni delle tecniche, proviamo a fare il tutto senza pensare. Attenzione alle trappole: non pensare a niente non significa non essere presenti in ciò che si sta facendo, anzi è il contrario. Significa cercare di eliminare dalla mente tutti i pensieri in modo da ottenere quella fluidità di energia ed esecuzione che rende la tecnica efficace.
Lo stesso esercizio si può applicare nella vita quotidiana. Basta prendere un’azione quotidiana e abitudinaria (lavarsi i denti, farsi la barba o la doccia, fare colazione, etc.) ed eseguirla cercando di non pensare a nulla.
Come già detto sembra più facile di quello che in realtà è … non pensare è un’azione quasi innaturale per la mente, che se “ci pensiamo” ha proprio lo scopo di pensare …
Tuttavia riuscire ad eliminare ogni pensiero è una pratica salubre che fa bene al corpo, spirito e mente stessa, perchè rigenera e “pulisce” dallo stress. In fondo il non pensare è il fondamento della meditazione.

Spesso siamo convinti che per stare bene sia necessaria una qualche formula magica che stravolga il mondo e ci consegni la felicità eterna; in realtà sono sufficienti piccoli accorgimenti che sommandosi migliorano il proprio stato di salute generale. Vivere di Kung Fu è una rubrica che si pone come obiettivo il suggerimento di alcuni di tali accorgimenti per aiutare chi lo desidera ad ottenere dei piccoli miglioramenti della quotidianità, senza pretese di essere la panacea di chissà quale male, ma con la certezza che anche l’oceano è costituito da gocce d’acqua.

3 pensieri riguardo “Vivere di Kung Fu – esercizi #4 – non pensare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.