Tao Te Ching – Capitolo 52

tao te ching
Spesso per “captare” i concetti espressi nel Tao Te Ching è necessario abbandonare la normale frequenza di pensieri alla quale siamo soliti per tentare di vedere le cose dall’alto. Altrimenti leggere i messaggi e gli insegnamenti di Lao Tzu risulta ostico ad una mente razionale capace principalmente di comprendere per confronto.
È difficile accettare l’idea di “non vivere per i sensi“. Come è possibile estraniarsi dalle sensazioni del corpo… cosa significa “risiedi nell’unità originale” …
Bisogna cambiare frequenza per capire. Lao Tzu ci dice che il Tao è l’origine di tutto, la madre di tutti gli esseri. Tuttavia non va intesa come una madre che controlla e gestisce, bensi come un processo che crea e preserva. Ogni movimento in natura è fatto per preservare una specie, un equilibrio, l’aspetto originale delle cose. Non a caso “la natura è perfetta” è ormai un mantra globalmente accettato, non è una tesi, ma un assioma. È una perferzione che pone le radici nell’equilibrio e nel conseguente mantenimento dello stesso. Lo stare al centro di ogni polarità. Bene e male, maschio e femmina, yin e yang, tutto ciò che è equilibrio ha due poli opposti.
Tuttavia nel Tao Te Ching esiste un concetto sottile da cogliere. Se parli di fare il bene sei già mentalmente proiettato ad accettare il male. Se parli di mantenere una moralità hai già messo il piede nel campo dell’immoralità, perchè la stai combattendo. Allora Lao Tzu dice di non fare distinzioni, di non affidarsi ai sensi, bensì all’intuizione. Tornare all’origine e porsi al centro, non giudicare ma ascoltare. Percepisci il sottile e sarai illuminato. Per percepire il sottile è neccessario fare ricorso all’anima, altra entità che nessuno hai mai visto in tv … chissà se esiste davvero…

Il capitolo del Tao Te Ching di oggi.

Il Tao è l’origine e la madre
di tutti gli esseri.
Conosciuta la madre, conoscerai i figli.
Conosciuti i figli, ritorna alla loro origine
e attieniti a essa.
Affidandoti alla madre, non correrai pericoli,
nemmeno quando il tuo corpo morirà.

Non vivere per i sensi.
Chiudi la bocca,
chiudi le aperture del corpo
e risiedi nell’unità originale.
In questo modo potrai trascorrere la vita in pace e soddisfatto.

Tieni aperta la bocca, accresci le attività,
fai distinzioni fra le cose
e ti affannerai per sempre senza speranza.

Percepisci il sottile e sarai illuminato.
Usa gentilezza e sarai forte.
Usa la tua luce, basati sull’intuizione,
Non abbandonarti alle preoccupazioni.
Questa è la via del Tao.

Un pensiero riguardo “Tao Te Ching – Capitolo 52

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.