I am Lao Shi Mó. The keyboard warrior

lao shi mòEd eccomi di nuovo qui, sudditi. Dall´Empireo, l´Olimpo, il Valhalla. Ogni tanto bisogna che io intervenga, altrimenti c´é pure il rischio che qualcuno possa dire la propria anche se non è il capo di qualche scuola suprema di Hokuto o Nanto con tutti in suoi altri uccelli vari. Mah… sapete che c´é? C´é che in realtá non puó dirlo nemmeno se lo è. Insomma, fanno tutti schifo e si sa.

keyboard warriorEccomi in un duro allenamento durante un Tao Lu con arma corta.
Ed è qui che intervengo io. Quando qualcuno si mette in testa di scrivere qualcosa di troppo difficile per essere letta con attenzione oltre le prime 5-6 righe, bisogna che io prenda posizione seriamente. Tipo: se uno osa mettere nella stessa frase arti marziali e sport da combattimento e prendere l´andatura dell´articolo di critica… no: bisogna intervenire. Sapete come? Pensate sia tanto difficile? Macché: basta leggere le prime dieci righe e poi cominciare a vomitare tutto quello che si puó. Come quella volta che nemmeno sapevo chi era Christian Bachini e già avevo deciso che era tristo. Solo perché qualcuno l’ha messo nel titolo di un articolo, che in realtà manco ho letto.

Christian Bachini e Jackie ChanNon ho idea di chi sia questo tizio, ma lo critico perchè di sicuro fa schifo. L’altro invece è quel Christian Bachini che vi dicevo.
Sulle prime bisogna dire che tutto quello che viene detto è una fesseria. Si si, lo so che ho detto che non l´ho letto, ma non ho tempo da perdere perché sono troppo impegnato a guardare allo specchio la vena del mio bicipite e quanto sono figo con il kimono mentre metto in leva il mio allievo. Si esordisce con un bel <<Questo articolo fa schifo, ignoranti, non sapete nulla, andate ad allenarvi che è meglio>>. Poi però sicuramente salterà fuori qualcuno che crede di essere furbo come me, e allora il gioco si fa duro. E i duri cominciano a giocare. Ma con me c’è poco da giocare: I am Lao Shi Mó. E tutti gli altri pipa e mosca.

lao shi mòÈ inutile che proviate a dire la vostra: io vi bloccherò subito con tutte le armi che ho a disposizione. Che?? Cosa dite? No no, ma che avete capito: non si tratta di pugni, calci, bastoni o coltelli. Sto parlando della penna che ferisce più della spada. Beh, la penna… la tastiera: io sono un keyboard warrior. Con il pc, mica nel medioevo con il piccione viaggiatore. Che se eravamo al medioevo c’era pure il rischio di compromettersi. E poi è inutile che insistete. Non serve che diciate che parlo di penne e pennini e poi manco so scrivere il congiuntivo. Ma chissenefrega: tanto oggi è più la gente che scrive di quella che legge. Quindi io scriverò subito anche se non so nemmeno fare la X per firmare, tanto si parla di schiaffi e pugni, mica di astrofisica. Si, esatto: però poi se devo parlare di filosofia ed energia saprò farlo meglio di Aristotele. Pure se sono ignorante. Nel senso che "ignoro", ovviamente.

Cyrano De BergeracLe mie armi sono i tasti: sono un Cyrano De Bergerac nel web delle arti marziali. Se la mettete giù pesante, invece di darvi il diritto umano di considerare io la vostra voce come degna di essere ascoltata, me ne fregherò altamente del contenuto e comincerò ad elencarvi i motivi per cui dovreste stare zitti e ascoltarmi. E basta: io parlo e voi muti. Volete sapere come si fa? Si comincia dicendo che questa è solo la mia umile opinione e altre cavolate simili, tipo <<Io la vedo così, a mio modesto parere>>. Poi però ad un certo punto, quando la "preda" si è ingenuamente convinta che le sue idee possano per me contare qualcosa, il primo colpo secco. La prima botta sarà <<Beh, dopo 60000 anni di pratica, penso che probabilmente e forse e magari e se Dio vuole e se posso e in punta di piedi di dire la mia… e che forse e magari e non si sa mai volesse il cielo e mai dire mai, la mia vale più della vostra>>.

Berlusconi BushEccomi mentre sono intento a dimostrare ad un mio allievo la potenza del mio bicipite.

E via, di lì e attraverso un colpo ed una ditata sulla mia tastiera, arriveremo presto al <<Tu? E chi cacchio sei tu?? Io sono io e tu sei tu. E se io sono io e tu sei tu, chi è più scemo, io o tu? Comunque sempre tu perché non vali niente dato che non sei uno riconosciuto da un Maestro cinese erede di un6acute;eredità che manco Carlo Conti>>. Erede?? Al massimo eresiarca! Eresia! Tutt´al più erotomane.
Un bel gioco di parole e tutti cadono sotto la penna di Lao Shi Mò. Il passato che uccide il futuro: la tradizione che uccide la stupida e presuntuosa novità. Vi ripeto… non importa se non colgo il senso delle vostre idee: se non ci riesco è solo perché voi non siete stati chiari. Allora mobiliterò tutte le mie scuole nel mondo e ve le metterò contro. Mie, si, mie: pure se in realtà ci insegna un poveraccio a cui io ho dato la cintura nera. E con essa, l’indottrinamento: la verità è questa e solo questa, obbedisci al tuo guru che sa cos´é il vero Kung Fu.

Keyboard warriorE mentre me ne starò a cullarmi allegramente nella mia gloria, piazzo ora qui ora lì qualche bella battutina che così faccio il maestro killer pure simpatico. Facebook è il tempio di questo gioco: tu posti, io leggo e anche se sono ancora alla prima lettera del titolo ho già deciso che sei un ciarlatano. Quindi, mentre leggo, già penso a cosa dovrò scrivere nei commenti. Chissà quanti "mi piace" mi metteranno i miei colleghi. Speriamo che siano tutti gran master di qualche arte suprema riconosciuta da qualche super cino-giappo-coreano. Da quello si capirà che aria tira, mica dai contenuti.

kung fu dello zodiaco lao shi moOroscopi… oroscopi?? Ma andiamo!! Il Kung Fu è una cosa seria, seriosissima.

I am Lao Shi Mò e sono un virus. Il virus della saccenteria, della gelosia della propria arte, della presunzione che ci sia solo una verità e che, guarda te, sia proprio la mia. Perché io sono io, questa è casa mia, qui comando io, le stelle sono mie. Il Kung Fu è roba seria, non c’è spazio per due oroscopi e tre risate. Bisogna per forza dire cose seriose e chi le dice meglio è il migliore. I film comici non servono a niente, l’ironia non serve a nulla. Anzi no: serve solo se devo fare due battutine imbecilli su quanto qualcuno che dice la sua sia ignorante, stupido e imbecille. Nel senso che "imbelle"? No no: proprio un cretino.

3 pensieri riguardo “I am Lao Shi Mó. The keyboard warrior

  • 5 giugno 2015 in 18:06
    Permalink

    Ahaha, un articolo davvero interessante, anche nel modo in cui è scritto, mi ricorda qualcuno che conosco, a questo punto credo che purtroppo sia molto diffusa questa ossessione di protagonismo… a meno che non parliamo della stessa persona, ma è improbabile. 😉 Continua sull’oroscopo che è bellissimo, io credo che si può ridere su qualsiasi cosa con la giusta dose. Buon lavoro.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.